Project Background

  • Bulgarian
  • English
  • European Portuguese
  • Finnish
  • German
  • Greek
  • Spanish

Welder Cutting with FlameIl contesto del progetto ISO QUAM (ISO 17024: 2003 certificazione per la qualifica di lavoratori del settore metalmeccanico) è la situazione attuale e futura del settore metalmeccanico in Europa che, a causa della crisi economica, produce un alto rischio per i lavoratori con specializzazione medio bassa o bassa. Attualmente non si ha la possibilità di certificare le competenze di tale gruppo di lavoratori, competenze acquisite principalmente in maniera non formale o informale. Il Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) attualmente non prevede una strategia chiara su come certificare  e riconoscere competenze inferiori a quelle dei lavoratori con specializzazione riconosciuta (a livello di apprendistato), che porta a richieste restrittive per i livelli più bassi dell’EQF (EQF 1 e 2).
Il progetto ISO QUAM prevede un tentativo di certificazione delle competenze per i lavoratori qualificati del settore metalmeccanico(livelli 1 e 2 dell’EQF) utilizzando un modello già esistente per gli schemi di certificazione delle competenze basato sulla norma ISO 17024:2003. Questo progetto trasferirà questa norma, che è attualmente utilizzata con successo in settori diversi, nel settore metalmeccanico realizzando un primo approccio ad una certificazione delle competenze  affidabile ed internazionalmente riconosciuto per i lavoratori con specializzazione medio bassa o bassa.. Un approccio per la validazione delle loro competenze a largo raggio, riconosciuto a livello europeo, li doterebbe di un certificato per la valutazione delle competenze, secondo ISO 17024:2003, valido in tutti gli stati europei (ed oltre),  in grado di aumentare in maniera significativa le loro possibilità di impiego e di mobilità.
Il risultato del progetto sarà una proposta di norma europea (EN) basata sulla ISO 17024:2003- da testare nelle nazioni che collaborano al progetto – per la certificazione delle competenze dei lavoratori qualificati del settore metalmeccanico, che comprenda anche tutti i materiali necessari tradotti nelle lingue delle nazioni plaser-schneiderartner.
L’aspettativa a breve termine è un numero di 100 lavoratori metalmeccanici qualificati entro il termine del progetto ed un enorme impatto a lungo termine sugli enti di formazione ed istruzione professionale (VET), sugli organismi certificatori, sui rappresentati del mondo politico e sugli interi sistemi VET. Ciò costituirà un contributo quantificabile all’approccio alla trasparenza ed al riconoscimento delle competenze e dei risultati di apprendimento per un gruppo di persone molto svantaggiato.